Lassù tra le montagne. In mezzo alle nuvole.

Uscita insolita per noi. Tre giorni fermi nello stesso posto. A Cogne. Ma ne è valsa la pena.

Itinerario

Cogne (AO)

Giorni

3

In breve

IMG_3558Cogne (AO): la premessa è che siamo stati veramente fortunati con il tempo. Ma il bello del camper è proprio questo. Ti puoi permettere il lusso di controllare fino all’ultimo le previsioni del tempo, individuare il simbolino del sole e decidere dove andare!

Quindi Cogne. Perfettamente organizzata. A misura di famiglie. Come area di sosta abbiamo scelto questa: vicinissima al centro, raggiungibile a piedi in pochi minuti (ma per i più pigri c’è persino un ascensore).

Cogne è il punto centrale di un comprensorio turistico da cui partono tantissimi sentieri, IMG_3604molti dei quali percorribili addirittura con il passeggino. Tre sono le località che gravitano attorno al centro del comprensorio:  Valnontey, Lillaz, Gimillan. Tutte collegate da un servizio navetta gratuito e molto efficiente che parte dal parcheggio adiacente l’area sosta camper.

Da non perdere:

IMG_3704La passeggiata da Valnontey a Pra su Pia e ritorno: è un anello tutto in piano, con una vista mozzafiato sul Gran Paradiso. A metà percorso (Pra su Pia) un bellissimo prato con tanto di ruscelletto su cui è impossibile non far andare una barchetta fatta con i legnetti.

IMG_3642La passeggiata alle Cascate di Lillaz: arrivati a Lillaz si incontrano subito le segnalazioni per le cascate. Percorso un po’ in salita. Ma consiglio di stringere i denti e arrivare fino all’ultima cascata, la più grande e maestosa. Arrivati in cima un piccolo sentiero vi porterà proprio alla riva del ruscello. Vi troverete sotto la cascata. In mezzo a sassi modellati da un’acqua limpida e gelata!

IMG_3737La passeggiata da Gimillian a Pila (Cascate): faticosissima, Jacopo e Nicco alla fine han gettato la spugna e abbiamo dovuto caricarceli sulle spalle. Circa 2 ore all’andata e 2 al ritorno: all’inizio leggermente in salita, poi saliscendi lungo un pianoro di prati e boschi. Panorama mozzafiato e, nonostante la fatica, una piacevolissima sensazione di pace e tranquillità.

IMG_3678Per le passeggiate: all’Ufficio Turistico di Cogne vi daranno, al costo di 1 Euro, una bella cartina con tutti i sentieri a prova di bambino (sono segnalati, ad esempio, i tratti che si possono fare con il passeggino). Sentieri che poi sono molto ben segnalati sul posto.

Un consiglio: utilizzate il servizio navetta per arrivare al punto di partenza dei sentieri. I bambini saranno riposati e potranno farli senza problemi.

La top five del viaggio

  • Il proprietario del Negozio di Calzature Agostino (Rue dott. Grappein 6): ci siamo entrati per acquistare un paio di scarpe da trekking per Jacopo. Padre di 3 figli, esperto camminatore ci ha indicato un sacco di percorsi e consigliato quella che poi è diventata il must della vacanza: la “cordata”, ovvero legarsi in vita con una corda fino a fare una sorta di carovana. Non è necessario fare percorsi in salita (anche se è molto divertente). Persino una passeggiata in piano può diventare un’avventura;
  • I prati di Sant’Orso a Cogne: non a caso definiti Meraviglia Italiana dall’omonimo progetto (qui), all’inizio trovate un bellissimo parco giochi attrezzato;
  • Far volare l’aquilone nei prati di Sant’Orso ;
  • Il camoscio avvistato durante il picnic a Valnontey;
  • Il panorama dall’ultima delle cascate di Lillaz.

Letture di viaggio

Chi trova un pinguino. Di Jeffers Oliver. Ed. Zoolibri. 16,00 Euro.

2 risposte a “Lassù tra le montagne. In mezzo alle nuvole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...